Porto Livorno >> Home page

Guida Tv

Piazza Cavallotti
Effetto Venezia
Il mercato coperto
Autobus in via Grande

News

18/12/2008 

Circolo nautico Alfiere

L’Alfiere porta con sé storie di uomini e barche, il sapore amaro della cronaca e i ricordi di giornate di mare e di pesca. E’ soltanto un circolo nautico, uno dei tanti che s’inseguono lungo i fossi. Qui vivi la rabbia per il lavoro perso, così da un giorno all’altro; l’incertezza del pensionamento: la barca domani, un lusso; la nostalgia d’interminabili “ribotte” al Molo Novo. 

L’Alfiere, quasi non lo vedi se scendi da piazza Garibaldi sugli Scali delle Cantine. Dei tanti circoli, si può dire rappresenta la storia della nautica cittadina. Perché i nomi che qui si rincorrono sono nella tradizione, nel ricordo degli anziani. Il Cecchi, Pacitto, Totte, pescatori, suonatori di chitarra e maestri d’ascia. Qui sono sulla bocca di gente che ormai la barca non l’ha più, anziani che il sole chiama sullo scalo a incontrare gli amici. 

“Il circolo s’è fondato noi, dice Romano Tamburini, 81 anni, seduto, la schiena poggiata allo stipite della cantina. Qui, ho sempre vissuto. Il circolo, prima si chiamava Alfieri perché, il primo Presidente, Pino Valenti abitava nella zona dell’Alfieri, ora è diventato l’Alfiere. La barca l’ho data via ora, cinque anni fa; l’ho tenuta per 20 anni. Qui, sullo scalo c’era Luigi Bendinelli, maestro d’ascia. Aveva cinque cantine, ci teneva le barche che dava a noleggio. Poi faceva riparazioni sulle barche degli altri. Spesso ero da lui, perché anch’io avevo un gozzo di legno di sette metri. Il gozzo era ormeggiato proprio di fronte alla mia cantina. Con quella barca per tanti anni siamo andati a pesca. Calavamo palamiti, si prendeva di tutto: orate, saraghi, dentici, ragni. Il pesce si vendeva. Prima potevi pescare come volevi. La pesca è cambiata e sono cambiate le leggi. I palamiti, al massimo 200 ami, ora. Noi si pescava fuori della Meloria, allo Ship. La domenica, andavamo in Meloria con la famiglia. La nautica non è soltanto per ricchi. Dipende dalla barca; è come la macchina non sono tutte uguali. Io facevo il fornaio; quando facevo festa, andavo a pescare. Arrotondavo lo stipendio. Il pesce, non m’è mai piaciuto”. 

“Quando siamo entrati - dice Claudio Bagnoli - il segretario dell’Alfiere, abbiamo dato una nuova organizzazione. Con gli anziani, discussioni per tutto. L’acqua da pagare, quanta ne hai consumata tu? C’è da pagare, raccogliamo mille lire ciascuno etc. Una gestione impossibile. Ora si fa un bilancio e si stabilisce una quota annuale”, conclude Bagnoli. “Abbiamo 29 soci, 27 assegnatari di posto barca, due in lista d’attesa, precisa Sauro Volpi. Barche che vanno da 5 metri a 7 metri. La maggioranza sono Livornesi, ci sono anche persone che vengono da fuori, persino da Firenze. Anche l’estrazione sociale è la più varia dall’avvocato al pensionato e al cassintegrato”. Volpi, Presidente del circolo, come Bagnoli è un ex operaio della Delphi. Fabbrica della GM, la Delphi, produceva sterzi e sistemi di guida per Fiat e altre aziende automobilistiche. In un momento di alta produzione, ricorda Volpi, mentre si facevano gli straordinari per far fronte agli ordini, giunge inaspettata la comunicazione della chiusura della fabbrica . L’inizio di un dramma per 400 operai, 328 dipendenti diretti, 70 dell’indotto. L’azienda chiude Il 10 febbraio 2006, la produzione si sposta in Polonia. A tutti i dipendenti una lettera: “da un accurato esame del management dell’azienda, il business è insufficiente a consentire un utilizzo profittevole della capacità produttiva esistente”. Occupazione della fabbrica, lotte, cassintegrazione e mobilità. “Sindacati e Istituzioni, ora ci informano via SMS; le nostre facce, dice Sauro, fanno paura. Le loro parole, in cantina, sullo scalo, diventano pietre”. 

“La passione per la barca e la pesca, dice Claudio Bagnoli, l’abbiamo sempre avuta, è l’unico elemento positivo in un momento così difficile. Sono in società con Sauro abbiamo un GS18, una barca di 5,5 metri con fuoribordo da 90 cv. Ci piace la pesca prima s’andava oltre la Meloria ora, dopo tre anni di Cassa Integrazione e l’inizio della Mobilità, si rimane intorno al Vestrini”.
“Un circolo il nostro con tanti problemi, riprende Sauro Volpi. Sono stati fatti lavori per risanare il collettore fognario del centro cittadino, lavori, avviati sotto l’amministrazione Lamberti. Adesso, quando piove o se le fogne hanno un sovraccarico, i liquami finiscono nel fosso o nelle cantine del nostro scalo. Comune, Asl, Arpat, conoscono perfettamente il problema, nessuno interviene”. “Le vasche di raccolta sono adiacenti alla nostra palestra - osserva Melchiorrre Pellagra - responsabile della cantina del Magenta. L’aria è irrespirabile, i liquami invadono la palestra. Abbiamo 10 ragazzi che si allenano, senza contare i proprietari delle barche e delle cantine dello scalo. Non sono state realizzate opere di impermeabilizzazione della scala che scende dalla strada. Basta che piova e l’acqua va nelle cantine, per non parlare della pavimentazione dello scalo che, riprende Sauro, è stata fatta in contropendenza. Un’altra chicca dei lavori fatti fare dal Comune: lo scalandrone riconsegnato con tre scalini in più, presenta altezze diverse. Chi scende perde il ritmo e cade. Pietre del lastricato originale e macerie, riprende Sauro, sono state smaltite nel fosso. Prima dei lavori, a filo banchina c’erano due metri di fondo. Adesso, con la bassa marea le barche toccano e si possono fare danni. Un altro problema è la presenza di extracomunitari dediti allo spaccio o a forme violente di microcriminalità. Tre di questi, alcuni giorni fa sono stati arresti dopo aver accoltellato degli agenti chiamati dai ragazzi della cantina del Magenta. Dagli spogliatoi avevano portato via due telefonini e un IPod. Poi, avevano preso di mira un anziano che stava pescando ed infine, una donna cui hanno sottratto un borsellino. Conviviamo con questa realtà, continua Sauro: dormono sulle barche, se ti avvicini mostrano il coltello, spesso fanno danni gratuiti. Ora alcune cantine sono state prese in affitto da studenti, loro animano lo scalo. Per ora sulle nostre barche non ci sono stati furti significativi”. “Se ci rubano il motore - dice Claudio Bagnoli- è finita; s’andrà a remi. Per noi, continua Claudio, la barca è la vita; quando sei fuori in mare, non pensi ai problemi, quando sei fuori, non hai pensieri”. 

Giancarlo Suligà, 57 anni, ex dipendente ATl, pensionato da tre anni. “Ho una Gabbianella, ci vado a pescare e in Meloria con la famiglia. Mi piace anche, vivere lo scalo. Pesco con la canna a bolentino e in stagione faccio traina. Vado alla partita del Livorno e a casa al computer. Il nostro mondo è qui, Quando esco cerco di prendere orate, la sera vado a totani, la famiglia non è sacrificata dalla mia passione. Non mi piace stare nei bar”. 

Adriano Penco, 76 anni, una vita da tornitore alla Stanic. “In barca ora, ci vado poco ma, ho sempre avuto passione per la barca, ereditata dal babbo. Io abito in via delle navi ma gli amici sono qui. In questa banchina c’era la barca di un mio parente, Vittorio Disgraziati, pescatore da sempre, insieme al figlio. Pescavamo con i palamiti. S’aveva una barca di 8,5 m. “Tamara”, un gozzo tutto aperto faceva al massimo 7,5 nodi, andavamo dappertutto: Meloria, Vada anche in Corsica, ci voleva una vita. Con un barroccino si vendeva il pesce all’angolo qui sopra. I nostri clienti, la gente del quartiere o persone di passaggio, soprattutto le famiglie dei palazzi di fronte. Aspettavano che si tornasse per comprare il pesce. Ho avuto anch’io una barca. Pescavo polpi, soprattutto. Sono stato operato di cuore nel 2000 e ho smesso. Era un gozzo di 6,5 m. con entrobordo; un VM di 27 cv. Con la famiglia andavo in Meloria. La manutenzione, si faceva qui sullo scalo, avevamo un bigo per l’alaggio e varo delle barche”. 

Marco Guidulli, 52 anni, livornese con la passione per il mare. Ha un motoscafo di 6 metri con un fuoribordo da 100 cv. “Il tempo è poco, meglio una barca veloce per rientrare. Ho sempre avuto questa passione, di discendenza: mio padre e il nonno avevano la barca e la cantina, qui dove l’ho io. Su questa banchina ricordo ai tempi del nonno, gozzetti a remi, con la vela latina. Mio padre Angiolino, comprò un barcone di dieci metri. Una barca per la pesca del corallo, dismessa. Per noi era una barca da ribotte al Molo Novo. Angiolino aveva prima, un bar, poi operaio, infine col suocero, un banco di frutta in Piazza Cavallotti. Ai tempi del nonno, la pesca un sostentamento per la famiglia. Innescava con i gamberi che prendeva al Molo Novo. Nei primi tempi col babbo, per andare al Molo Novo, si prendeva la barca a nolo in Borgo Cappuccini. Poi col barcone, tutta la famiglia e i parenti. Più ce n’era più ce ne montava. Tavolini, sedie, grande tenda, pentoloni. Nuclei familiari, uno accanto all’altro, zuppa; braciere con carbonella, se qualche pesce.. Anche i gamberi fritti. C’era tutto: dolce, caffè e cognac per il ponce”. Ora il ritrovo dei Livornesi s’è spostato alla Meloria. Anche le barche sono cambiate, più pratiche. Il legno non c’è più. Quando si metteva in terra la barca c’erano tre mesi di lavoro. Le barche sono più veloci ma, riprende Marco, se vuoi andare a pescare fuori della Meloria, ora ci vogliono 50 €. Il futuro, speriamo bene”.

Luciano De Nigris


Altre Notizie:


28/03/2017 
AUTOVELOX: CONTROLLI DAL 28 MARZO AL 1 APRILE

La Polizia Municipale di Rosignano Marittimo da martedì 28 marzo effettua il controllo elettronico della velocità all’esterno e all’interno dei centri abitati di Vada, Rosignano Solvay e Castiglioncello [...>]

27/03/2017 
Offerte di lavoro per collocamento mirato Occasioni a Livorno, Rosignano e Bolgheri per disabili e categorie protette

04/02/2017 
Domenica 5 febbraio, prima domenica del mese - Visite gratuite al museo di Villa Mimbelli e alla Biblioteca Labronica

In Biblioteca ultimo giorno della mostra ‘Campioni e Sport a Livorno’ Alle ore 17 lo spettacolo “Picchi” di Alessandro Brucioni e Michele Crestacci

Domenica 5 febbraio, prima domenica del mese, porte aperte al Museo “Fattori” di Villa Mimbelli e alla Biblioteca Labronica “F [...>]

07/12/2016 
Il presepe subacqueo

I sub del diving La Torre di Calafuria hanno posizionato in mare un originale presepe subacqueo [...>]

30/09/2016 
Tombolo: lavori al ponte dell'Aurelia Dal 3 ottobre cavalcavia sulla ferrovia chiuso due mesi, i percorsi alternativi

Riqualificazione del ponte dell'Aurelia a Tombolo e conseguenti modifiche al traffico [...>]

03/12/2015 
Aperture straordinarie del Mercato Centrale dal 21 al 24 dicembre

Aperture straordinarie  del Mercato Centrale dal 21 al 24 dicembre

In occasione delle prossime festività natalizie il mercato centrale rimarrà aperto in orario continuato, dalle 7 alle 19, dal 21 al 24 dicembre [...>]

15/07/2015 
Mega Andrea in linea sulla Sardegna

La nuova nave gialla parte alle ore 21, sulla tratta Livorno/Golfo Aranci

La Mega Andrea, gemella della Mega Smeralda, ammiraglia e gioiello della Compagnia, è pronta per affiancare la Mega Express Three sui collegamenti per la Sardegna, a partire dal prossimo 16 luglio, con il viaggio Livorno/Golfo Aranci delle ore 21 [...>]

07/07/2015 
Spiaggia libera del Sale,in funzione la doccia.

Dal 3 luglio è attiva la doccia pubblica realizzata in prossimità della spiaggia del Sale dal Sindacato Balneari Confcommercio Livorno su progetto condiviso con l’ufficio demanio marittimo del Comune [...>]

06/07/2015 
Da lunedì 6 luglio nella rete civica e presso gli uffici educativi di via delle Acciughe Pubblicazione delle Lista dei richiedenti la prima iscrizione ai Serviz

Fino a domenica 12 luglio la possibilità di chiedere il riesame del non accoglimento della domanda [...>]

04/05/2015 
“TRE PONTI”: AL VIA LA PULIZIA E LA RACCOLTA DELLE ALGHE

Area interdetta al pubblico per 15 giorni ma si lavora per anticipare l’apertura [...>]

12/03/2015 
Livorno e Piombino in vetrina al Seatrade di Miami, la fiera internazionale delle crociere

Un esempio di sinergia tra istituzioni, quello che porterà a breve la Porto Livorno 2000, società che gestisce il traffico crocieristico livornese, al Sea Trade Cruise Shipping, la più importante manifestazione nel settore delle crociere, che si tiene dal 16 al 19 marzo 2015 a Miami (USA) [...>]

10/03/2015 
Bando per la concessione di contributi per la partecipazione alla manifestazione Vinitaly

Nell’ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico locale, la Camera di Commercio di Livorno intende sostenere ed incentivare, attraverso l’erogazione di contributi, la partecipazione alla manifestazione fieristica Vinitaly, in programma a Verona dal 22 al 25 marzo 2015 [...>]

02/03/2015 
Scadono il 31 marzo i permessi in deroga per Ztl e Zsc per i non residenti

Alcune categorie possono fare il rinnovo online

Come ogni anno, scadono il 31 marzo i contrassegni per l’autorizzazione in deroga ai non residenti per accedere nelle zone a traffico limitato (Ztl) e a sosta controllata (Zsc) [...>]

29/01/2015 
Corso abilitante per agenti e rappresentanti di commercio

Il corso professionale abilitante per agenti e rappresentanti di commercio organizzato dalla Camera di Commercio di Livorno avrà inizio martedì 10 febbraio [...>]
Giovanni Fattori
Amedeo Modigliani
Renato Natali
Renato Natali

.eu Domain
© Copyright | Avviso legale | Privacy | Contatti
AddressItaly S.a.s. P.Iva 01443740491
www.addressitaly.it
Livorno - Porto di Livorno - Porto Livorno - Porto Terminal - Agenzie Marittime - Case di Spedizione - Porto Livorno - Compagnia Lavoratori Portuali - Dogana - Capitaneria di Porto Autoritࠐortuale - Imprese sbarchi e imbarchi - Magazzini Generali - Trasporti Partenze navi - Linee regolari - Ordinanze - Bandi di gara